Il giorno in cui celebriamo le donne che ci hanno donato la vita

Perché festeggiamo la mamma?

Guerra, pacifismo, propaganda, commercio: storia non sempre allegra delle origini della celebrazione di tutte le mamme, che cade, in Italia e in molti altri paesi, nella seconda domenica di maggio

Festa della mamma: storia impegnata di una festività dai moderni toni commerciali.

Un trionfo di fiori, cioccolatini, biglietti di auguri: la Festa della mamma, che cade ogni anno nella seconda domenica di maggio, è oggi un’occasione gioiosa, ma non è sempre stato così.

Le sue origini sono un po’ meno allegre, sia oltreoceano, dove è nata questa ricorrenza, sia nello Stivale, dove è stata “adottata” più avanti.

Negli Stati Uniti, le radici del Mother’s Day risalgono alla seconda metà dell’Ottocento.

Ann Reeves Jarvis, un’attivista per i diritti umani della Virginia, iniziò a organizzare club di donne che promuovessero istruzione e assistenza alle famiglie per migliorare le condizioni igieniche e ridurre la mortalità infantile.

All’epoca della Guerra civile americana (1861-1865), questi circoli si occuparono di assistere i soldati feriti su entrambi i fronti, e nel dopoguerra divennero i nuclei di movimenti pacifisti, per incoraggiare la riconciliazione tra soldati nemici.

 Jarvis e gli altri membri dei suoi club proclamarono il Mothers Friendship Day, per i soldati reduci e le loro famiglie, un’occasione che fu istituzionalizzata nel 1868, con lo scopo di riunire i parenti divisi dalle ostilità della guerra.

Nel 1872, Julia Ward Howe, un’altra attivista di New York, istituì il Mother’s Day for Peace, un momento di riflessione e un invito a mobilitarsi contro la guerra che, però, col tempo, si arenò.

Anna Jarvis istituì il Mother’s Day in onore della madre Ann, attivista americana. |

PER TE, MAMMA.

Fu la figlia di Ann, Anna, a battersi per l’istituzione della Festa della Mamma.

Anna non aveva figli propri, ma alla morte della madre, il 9 maggio 1905, pensò di fare del Mother’s Day (Giornata della madre) una festa nazionale.

Nella mente di Anna, non era una celebrazione generica di tutte le madri, ma della propria: da qui il singolare (Mother’s Day e non Mothers’ Day).

Il primo festeggiamento di questa ricorrenza si tenne in Virginia il 10 maggio 1908;

ma presto la festa divenne così popolare, che il Presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson destinò ufficialmente a questa festività la seconda domenica di maggio.

E in Italia? Nel nostro paese la Festa della mamma con l’attuale significato è arrivata intorno agli anni ’50.

Sulla scia del successo statunitense, ma anche con un forte richiamo al significato cristiano della figura della madre (maggio è infatti il mese dedicato alla Madonna nella tradizione cattolica).

In Italia la figura materna si celebrava anche prima, ma con sfumature molto diverse.

Adesso nel 2020 con una pandemia che ha messo in ginocchio persone, istituzioni,economia ..ci sentiamo persi e spersi.

Pieni di incertezze. E tanta insicurezza

Ma con la certezza di una mamma sempre nel cuore, da avvolgere in un abbraccio per farci sentire ancora sicuri.

AUGURI MAMMA