Questo è uno dei luoghi più caldi della Terra dove, lungo un arido tratto della regione dell’Africa orientale dell’Afar, è possibile fermarsi nel punto esatto che, nelle profondità del continente, si sta separando.

Africa, un nuovo oceano dividerà il continente

Sebbene il destino tettonico del continente africano sia stato studiato diversi decenni fa, questa crepa è stata scoperta nel 2005.

Le nuove misurazioni satellitari stanno aiutando gli scienziati a comprendere in dettaglio la transizione e offrono potenti strumenti per analizzare la nascita graduale di un nuovo oceano in uno dei luoghi geologici più singolari sulla Terra.

“Questo è l’unico posto sulla Terra in cui è possibile studiare come la spaccatura continentale diventa una spaccatura oceanica”.

Ha affermato Christopher Moore, Ph.D. Dottorando presso l’Università di Leeds nel Regno Unito presso NBC News.

Quanto ci vorrà per far emergere il nuovo oceano?

La crosta del pianeta Terra è composta da una dozzina di placche tettoniche, che sono gigantesche lastre di roccia di forma irregolare.

Che si muovono continuamente: schiacciare, arrampicarsi, scivolare, avvicinarsi o separarsi.

Gli scienziati che analizzano questi cambiamenti tettonici sostengono che la formazione del nuovo oceano africano richiederà 5-10 milioni di anni.

Tuttavia, la posizione della regione di Afar ai confini delle piastre nubiane, somale e arabe la rende un laboratorio unico per lo studio di elaborati processi tellurici.

Negli ultimi 30 milioni di anni, la piastra araba si è allontanata dall’Africa.

Questo spostamento ha dato origine al Mar Rosso e al Golfo di Aden tra le due masse terrestri collegate.

La placca somala nell’Africa orientale
che si estende anche lontano dalla placca nubiana, diffondendosi in tutta la Rift Valley dall’Africa orientale, si estende attraverso l’Etiopia e il Kenya.

Perché l’Africa è divisa?

Una delle grandi incognite che preoccupa i ricercatori è la causa che separa il continente africano.

Una teoria suggerisce che una massiccia colonna di rocce surriscaldate che si alza dal mantello sotto l’Africa orientale potrebbe generare la spaccatura continentale della regione.

“Con le misurazioni GPS, puoi misurare i tassi di movimento fino a pochi millimetri all’anno”, ha affermato Ken MacDonald, geofisico marino.

“Man mano che otteniamo sempre più misurazioni GPS, possiamo avere un’idea molto migliore di ciò che sta accadendo”, ha aggiunto.

Cynthia Ebinger, geofisica presso la Tulane University di New Orleans, ha affermato che questa regione dell’Africa orientale è gelosamente chiamata “Inferno di Dante“.

Per supportare la sua valutazione, ha aggiunto:

“La città abitata più calda sulla superficie terrestre è ad Afar.

Le temperature diurne spesso raggiungono i 54,4 gradi Celsius e si raffreddano a 35 gradi di notte.”

Alcune delle ricerche di Ebinger si sono concentrate su una gigantesca crepa di 56,3 chilometri che si è aperta nel deserto dell’Etiopia nel 2005.

E, secondo lei, questa violenta separazione era equivalente a diverse centinaia di anni di movimento della placca tettonica in soli pochi giorni “Stiamo cercando di capire la goccia che riempie il bicchiere“, ha detto.

“Il Golfo di Aden e il Mar Rosso inonderanno la regione di Afar e la Rift Valley dell’Africa orientale e diventeranno un nuovo oceano, e quella parte dell’Africa orientale diventerà il suo piccolo continente separato”, hanno detto i ricercatori.

Nel 2005, quando la frattura è stata generata in Etiopia, un gruppo di scienziati ha deciso di studiare ciò che era accaduto lì.

“Stiamo cercando di capire la goccia che riempie il bicchiere”, ha detto uno degli scienziati.

Fonte