Secondo il sito Web Space , questi buchi neri si trovano di solito nel cuore delle galassie in cui vivono e possono avere una grande varietà di forme e dimensioni.

Quindi, caro lettore, che ne dici di scoprire  cinque dei più unici ?

1 –

Gli scienziati ritengono che al centro di quasi tutte le galassie ci siano buchi neri giganti con masse milioni – e persino miliardi – volte più grandi di quello del nostro Sole.

Esempi di questi mostri supermassicci sono quelli che si trovano nei centri delle galassie NGC 3842 e NGC 4889, situato a 320 e 335 milioni di anni luce da noi, rispettivamente.

I “trogloditi cosmici” che esistono lì hanno masse più di 9,5 miliardi di volte maggiori di quella del Sole.

I loro orizzonti di eventi – il punto da cui non è più possibile sfuggire alle grinfie dei buchi neri

– hanno una distanza equivalente circa cinque volte la distanza tra il Sole e Plutone!

Proprio per avere una base di confronto, il buco nero al centro della Via Lattea è 2.500 volte più piccolo di quelli sopra descritti e il suo orizzonte degli eventi ha una distanza equivalente a 1/5 dell’orbita di mercurio.

2 –


E poiché stiamo parlando di buchi neri supermassicci, perché non menzionare l’oggetto più piccolo che si conosca?

Chiamato IGR J17091-3624, è un “piccolo buco” con meno di tre volte la massa del nostro Sole, cioè teoricamente ha la massa minima necessaria per essere stabile.

Tuttavia, questo non significa che questo oggetto super compatto non sia spaventoso!

Con venti che possono raggiungere i 32 milioni di chilometri all’ora, IGR J17091-3624 è 10 volte più veloce di qualsiasi altro buco nero di massa stellare mai osservato.

3 –

Il più antico buco nero mai scoperto si chiama ULAS J1120 + 0641 ed è stato formato circa 770 milioni di anni dopo il Big Bang.

Un evento che ha dato origine all’Universo e che gli scienziati credono si sia verificato 13,7 miliardi di anni fa.

Questo oggetto è considerato un enigma per i ricercatori.

Poiché non riescono a capire come un buco nero con 2 miliardi di volte la massa del nostro Sole possa essersi formato così presto dopo la grande esplosione.

4 –


Se i buchi neri sono in grado di “ingoiare” tutto ciò che si avvicina a loro, inclusa la luce, significa che sono anche in grado di divorare altri buchi neri.

E non è che recentemente gli scienziati hanno catturato uno di questi cannibali in azione!

Il banchetto si è svolto in una galassia chiamata NGC3393, coinvolgendo due oggetti.

Uno circa 30 milioni di volte la massa del Sole e l’altro circa 1 milione di volte la massa della nostra stella.

5 –


Quando si verificano collisioni tra galassie, è possibile che i buchi neri vengano espulsi da esse, iniziando a vagare liberamente nell’Universo.

Il primo oggetto di questo tipo scoperto dagli scienziati si chiamava SDSSJ0927 + 2943 e probabilmente ha una massa 600 milioni di volte superiore a quella del nostro Sole.

Gli astronomi credono anche che questo buco nero viaggi ad una velocità di 9,5 milioni di chilometri all’ora.

Quindi è meglio sperare che non decida di “vagare” qui ai lati del nostro Sistema Solare !