Tutti sperimentiamo frustrazioni nella nostra vita quotidiana che possono accumularsi e farci sentire arrabbiati, sconvolti e spiacevoli.

Quando si verificano questi fattori scatenanti aggressivi, può davvero rovinare la nostra intera giornata (o anche la settimana!)

Permettere alla tua rabbia e frustrazione di metterti in uno stato d’animo negativo e rovinare la tua giornata può essere facilmente superato.

Sia che tu stia combattendo una situazione o una persona che ti ha sconvolto o tonnellate di piccoli fastidi che si accumulano e si aggravano, questi trucchi ti aiuteranno a superare la tua rabbia del momento e a tornare a uno stato più piacevole e rilassato.

Ecco 5 trucchi per aiutarti a superare la tua rabbia:

1. Sostituisci il pensiero arrabbiato con uno positivo

Invece di urlare all’altro guidatore per essere incurante, fai un respiro profondo e auguragli viaggi sicuri e spera che abbia appena fatto un errore e che sarà più cauto per il resto del viaggio.

Quello che hai fatto sostituendo il pensiero arrabbiato con uno positivo è che ti sei rimosso dalla situazione.

Ciò che provoca rabbia come questa è la sensazione che si sia trattato di un attacco personale.

Modificando la tua prospettiva e cambiando il pensiero arrabbiato in uno positivo, hai eliminato l’aspetto personale e lo hai sostituito con una buona volontà generale che ti fa sentire meglio e in pace.

Questo può essere applicato in molte situazioni in cui ti senti aggravato dai fastidi e dalle frustrazioni di tutti i giorni.

Se un collega si innervosisce perché continua a porre domande a cui hai già risposto nella presentazione, invece di arrabbiarti per il fatto che non stava ascoltando, ringrazialo silenziosamente per aver posto ora la domanda senza causare problemi prima.

Se qualcuno che hai incontrato 20 volte non riesce a ricordare il tuo nome e continua a chiamarti nel modo sbagliato, dì solo a te stesso che chiaramente non avraiuna stretta connessione con quella persona e va bene, potete comunque avere una piacevole interazione.

Ci sono dozzine di modi per trasformare il tuo pensiero arrabbiato in uno positivo.

Non risolverà la situazione – la persona ti taglierà ancora la strada, il tuo collega non presterà ancora attenzione, quella persona non ricorderà ancora il tuo nome – ma non porterai con te quella rabbia personale che ti permetterà di continuare a goderti la giornata.

2. Prenditi un momento e respira

È una cosa facile da fare e probabilmente sembra troppo semplice per essere molto efficace, ma in realtà fa una differenza enorme.

Parte di ciò che può intensificare una situazione sta reagendo in quella rabbia e permettendo alle tue emozioni di influenzare negativamente le tue parole ed azioni.

Quando quella rabbia si gonfia dentro di te, prenditi un momento prima di fare qualsiasi altra cosa.

Fai un respiro profondo, lasciala uscire e ripeti finché la tua mente non è abbastanza chiara per elaborare la situazione.

La respirazione riporta l’ossigeno nel tuo cervello e fa passare un momento per far reagire la reazione chimica della rabbia e riportarti a uno stato mentale più calmo e logico.

Una volta che ti sei calmato e non sei più nella risposta immediata, emotiva, chimica, puoi valutare la situazione e avere un maggiore controllo su come vorresti effettivamente rispondere invece di intensificarla per rabbia e peggiorare le cose.

3. Prendi spazio

Va bene toglierti da una situazione frustrante o da una conversazione.

Non sarà sempre un’opzione e potresti non essere in grado di andare lontano, ma va assolutamente bene fare un passo indietro e concederti spazio in modo da poter raccogliere i tuoi pensieri.

Se ti stai confrontando con qualcuno, rispondi rispettosamente: “Devo prendere un momento e pensarci”.

Se è una situazione al lavoro, vedi se riesci a fare una breve pausa per andare in bagno.

Avere un po’ di spazio tra te e qualunque cosa stia causando la tua rabbia ti darà un momento per elaborare, calmarti e allontanarti dalla stimolazione immediata che ti sta facendo arrabbiare.

4. Smetti di pensarci

Quando succede qualcosa che ci fa arrabbiare, può essere facile prendere l’abitudine di ripetere quel momento ancora e ancora nelle nostre menti.

Un replay potrebbe essere utile per trovare la chiusura, ma solo se hai già elaborato le tue emozioni e stai cercando di trovare comprensione.

Ripensare mentre sei ancora emotivo e arrabbiato alimenterà solo la rabbia e i pensieri negativi.

Smetti di concentrarti sul momento di aggravamento.

Ricordati che ora è nel passato.

Potrebbe essere successo mesi o settimane fa, ma anche se fossero passati solo pochi minuti è ancora passato, è ancora successo e non puoi tornare indietro e cambiarlo o annullarlo.

Ripensarci ripetutamente non risolverà nulla.

Quando inizi a ripeterlo nella tua mente, cambia consapevolmente il tuo treno di pensieri.

Ricordati che è finita e non serve a nulla soffermarsi su quel momento e cambia la tua attenzione su qualcos’altro che è più produttivo.

Non devi pensare a ricordi felici o cercare di rallegrarti se è troppo difficile, a volte passare ad un altro progetto o attività è tutto ciò di cui hai bisogno.

5. Risolvilo o lascialo

Una volta che hai smesso di alimentare la tua rabbia con il replay e ti sei calmato, puoi iniziare ad elaborare logicamente l’occorrenza e vedere se c’è qualcosa che devi fare per risolvere il problema e migliorare la situazione.

Non puoi risolvere nulla quando sei arrabbiato, devi avere un chiaro stato d’animo, quindi sarai in grado di riparare costruttivamente la situazione e qualsiasi conflitto ci fosse.

A volte, tuttavia, non è necessario o non può essere riparato nulla e deve essere solo lasciato.

Lascia che guarisca e vai avanti.

Potresti voler dire alle persone che ti hanno fatto arrabbiare in uno stato calmo che le loro azioni ti sconvolgono e che non ti piace essere trattato in quel modo.

Ma non tutte le relazioni valgono quella conversazione.

In quei casi, che si tratti di un cliente arrabbiato al lavoro o di una persona spiacevole sull’autobus, devi solo lasciarlo  andare.

Non c’è nulla da risolvere ed è un peccato che sia successo, ma non puoi lasciarti influenzare e farti rovinare l’umore.