Le erbe e le spezie hanno sempre avuto un ruolo chiave nella preparazione della maggior parte delle ricette culinarie di tutto il mondo.

Molti di essi, oltre ad arricchire il cibo con gusto e aroma, possiedono anche importanti proprietà benefiche per la salute.

Di seguito vedremo quali sono le 6 migliori erbe e spezie da usare in cucina.

La cannella riduce i livelli di zucchero nel sangue

Diversi studi hanno dimostrato che la cannella può ridurre la glicemia a digiuno del 10-29% nei pazienti diabetici].

La dose raccomandata per godere degli effetti benefici della cannella è di circa 0,5-2 cucchiaini di cannella al giorno, o 1-6 grammi.

La salvia migliora la memoria e la salute del cervello

La salvia è un’erba molto popolare nella cucina mediterranea grazie al suo aroma caratteristico.

Ricerche recenti suggeriscono che la salvia può migliorare le funzioni cerebrali e la memoria, specialmente nelle persone che soffrono di malattia di Alzheimer.

La malattia di Alzheimer è accompagnata da una significativa riduzione dei livelli di un neurotrasmettitore noto come acetilcolina.

La salvia inibisce o rallenta la degradazione dell’acetilcolina.

In uno studio di 4 mesi condotto su 42 persone con malattia di Alzheimer lieve / moderata, l’estratto di salvia ha prodotto importanti miglioramenti nelle funzioni cerebrali.

Altre ricerche hanno scoperto che la salvia può migliorare la memoria anche in persone sane, giovani e anziane.

Peperoncino di cayenna per ridurre il peso e il rischio di cancro

Il peperoncino di Cayenna che utilizziamo per rendere piccanti le nostre ricette culinarie.

Contiene una sostanza molto importante per la salute umana, la capsaicina.

Questo principio attivo è utile per ridurre l’appetito e aumentare la combustione dei grassi.

In quantità minori, la capsaicina è presente anche nei peperoni dolci.

Uno studio ha scoperto che l’aggiunta di 1 grammo di peperoncino ai pasti riduce l’appetito.

Aumenta la combustione dei grassi nelle persone che non mangiano regolarmente peperoncino.

Tuttavia, non vi è stato alcun effetto nelle persone che consumano abitualmente cibi piccanti.

Studi sugli animali hanno anche dimostrato che la capsaicina combatte efficacemente varie forme di cancro, incluso il cancro ai polmoni, al fegato e alla prostata.

Sfortunatamente, non ci sono studi sugli effetti antitumorali della capsaicina nell’uomo.

La menta piperita allevia la nausea e l’intestino irritabile

Molti studi hanno dimostrato che l’olio di menta piperita può alleviare il dolore causato dalla sindrome dell’intestino irritabile.

Con ogni probabilità l’olio agisce rilassando i muscoli del colon, calmando così i disagi che si verificano durante i movimenti intestinali.

La menta piperita aiuta anche a ridurre il gonfiore addominale.

Altri studi dimostrano che la menta piperita utilizzata nell’aromaterapia aiuta a combattere la nausea.

In una ricerca condotta su oltre 1100 donne in travaglio, l’aroma della menta piperita ha portato a una significativa riduzione della nausea.

È stata anche osservata una diminuzione della nausea dopo l’intervento chirurgico e dopo un taglio cesareo.

La curcuma ha potenti effetti anti-infiammatori

La curcuma è l’ingrediente principale del curry.

Contiene varie sostanze con proprietà medicinali, la più importante delle quali è la curcumina.

Questo composto è un antiossidante estremamente potente, utile per combattere lo stress ossidativo

e stimolare gli enzimi antiossidanti presenti nel corpo.

In questo modo, la curcuma aiuta a proteggere il corpo dall’invecchiamento precoce e dallo sviluppo di molte malattie.

La curcumina ha anche proprietà antinfiammatorie significative, tanto che

in alcuni casi ha gli stessi effetti di vari farmaci antinfiammatori].

Tra i numerosi benefici per la salute, diversi studi suggeriscono che la curcumina

può migliorare la funzione cerebrale, combattere la malattia di Alzheimer, ridurre

il rischio di malattie cardiache e cancro e alleviare l’artrite.

Basilio sacro per migliorare le difese immunitarie

Il basilico sacro (Ocimum tenuiflorum) è una varietà di basilico diversa da quella che usiamo regolarmente nella cucina italiana.

Vale a dire il basilico normale (Ocimum basilicum), che tuttavia è anche ricco di proprietà benefiche.

Gli studi dimostrano che il basilico sacro può inibire la crescita di vari batteri, lieviti e muffe.

La ricerca ha anche scoperto che questa qualità di basilico può migliorare il sistema immunitario

aumentando la presenza di alcune cellule immunitarie nel sangue.

Il basilico sacro aiuta anche a ridurre i livelli di glucosio nel sangue prima e dopo i pasti.

Aiuta anche con l’ansia e la depressione associate all’ansia.