Quando hanno scoperto la vera identità di questo senzatetto sono scappati a gambe levate

Le origini dello Special Air Service britannico risalgono al Secondo Conflitto Mondiale e, nonostante un breve periodo successivo al termine della guerra

(durante il quale il corpo venne momentaneamente sciolto), le sue azioni attraversano tutta la seconda metà del secolo scorso fino ai nostri giorni.

Dalle missioni di contro-insurrezione svolte negli anni ’50 in Asia fino alle più recenti operazioni antiterrorismo in Afghanistan ed Iraq, passando attraverso le Falkland e “DESERT STORM”, il Reggimento

(altro nome sotto il quale è noto lo S.A.S.)

si è sempre distinto quale il più lucente tra i diamanti della corona di Sua Maestà la Regina d’ Inghilterra, facendo proprio il motto Who dares wins, Chi osa vince.

In Inghilterra, i militari armati si travestono da senzatetto per prevenire eventuali attacchi terroristici.

A seguito dei recenti attentati che hanno colpito il Paese, gli agenti dei SAS sorvegliano nell’anonimato diverse città inglesi.

Nel Regno Unito, gli agenti delle forze speciali dei SAS si trovano in diverse città dopo i recenti attentati terroristici.

I soldati si travestono da senzatetto per non essere riconosciuti e sono armati per prevenire e impedire eventuali attacchi.

A quanto pare, sono anche in possesso di kit di pronto soccorso.

Un militare ha dichiarato al quotidiano The Mirror: “Le unità armate sono state schierate da tempo e ci sono poche probabilità che l’operazione venga interrotta”.

Secondo la fonte, i soldati sono in grado di entrare in azione in un battibaleno. Il livello di allerta in Inghilterra è massimo a seguito dei tre attentati di Londra e Manchester dello scorso anno che hanno provocato 34 vittime e 217 feriti.

Gli attentati terroristici occorsi a Londra il 7 giugno 2005, hanno visto una crescente attivita’ dei servizi di sicurezza nella capitale britannica, onde contrastare i piani di affiliati ad Al Qaeda intenzionati a colpire obiettivi sensibili.

Nel 2006, la M.I.5 (Military Intelligence, Section 5)

ha rivelato la presenza su suolo britannico di una trentina di cellule di terroristi islamici sottoposte ad operazioni di sorveglianza da parte dei servizi di sicurezza e dell’ Anti-Terrorist Branch di Scotland Yard.

Ad inizio 2007, al fine di supportare le attivita’ di intelligence condotte dalle agenzie coinvolte nelle operazioni, l’ Home Office (Ministero degli Interni)

richiede ed ottiene dal Ministry of Defence che lo S.A.S. stabilisca un piccola base nella citta’ di Londra.

E’ dai tempi del dispiegamento in Irlanda del Nord che al Reggimento non viene richiesto un impegno di tali proporzioni su suolo nazionale.

E’ nota l’ abilita’ di raccolta informazioni in operazioni contro insurrezionali condotte dallo S.A.S.

e la composizione del nuovo distaccamento di Londra riflette la necessita’ di dispiegare sul campo specialisti nella sorveglianza, tiratori ed esperti in esplosivi.

Operatori in Afghanistan nel corso dell’ operazione ENDURING FREEDOM

Lo Special Air Service è oggi inserito all’ interno del Directorate of Special Forces (D.S.F.).

Ubicato nella Caserma Duke of York di Londra, il D.S.F. è stato voluto nel 1987 dal Ministry of Defense

per dotare di un coordinamento le varie componenti per operazioni speciali britanniche.

Il D.S.F. è diretto da un Generale del British Army

(un Brigadier General, secondo l’ ordinamento gerarchico dei Paesi anglofoni), il quale

si occupa inoltre della definizione della dottrina d’ impiego, dell’ addestramento

e dei programmi di approvigionamento degli equipaggiamenti per le forze per operazioni speciali.

Lo stesso ricopre anche il compito di Comandante dello Special Air Service Dal Directorate of Special Forces dipendono lo Special Air Service Group (S.A.S. Group),