Una casalinga confida all’amica incontrata al mercato le proprie frustrazioni… (Barzelletta)

Una casalinga confida all’amica incontrata al mercato le proprie frustrazioni… (Barzelletta)

Una casalinga confida all’amica incontrata al mercato le proprie frustrazioni:
– Sai, con mio marito non è che poi vada così male, ma lui è sempre svogliato e soprattutto ormai non mi guarda quasi più. Figurati che quando torna a casa la sera,tutto quello che sa dirmi è“Aò! Che se magna stasera?”.

– Sai, Piera, gli uomini sono tutti un po’ uguali, così infantili e prevedibili. Anch’io avevo il tuo problema, ma sono riuscita a risolverlo in un modo semplicissimo..

– Davvero, Fausta? Ma come? Dimmi tutto, che ci voglio provare anch’io!
– Guarda, comprati un completino nero un po’ “aggressivo” e soprattutto una mascherina nera! Gli apri la porta vestita così e… l’effetto è assicurato!
– Non mi dire! Basta così poco? Beh, provo…tanto per quello che mi costa.

Dopo una settimana, si rivedono al mercato:
– Allora, Piera, come è andata?
– Vuoi proprio saperlo? Beh, è tornato… gli ho aperto la porta e lui mi fa:“A Zorro… che se magna stasera?”

AHAHAHAHAHAH!!

Quattro amici si ritrovano dopo tanti anni. Iniziano a parlare del più e del meno e, mentre uno va a ordinare da bere, gli altri cominciano a parlare dei propri figli.

Il primo dei tre dice:

“Sono molto orgoglioso di mio figlio. Ha iniziato a lavorare come fattorino, si è iscritto alle serali e si è diplomato. Dopo pochi anni è diventato direttore ed oggi è il presidente della compagnia. E’ diventato cosi ricco da regalare a un suo amico che compiva gli anni una Mercedes superlusso”.
Al che il secondo dice:

“Anche io sono molto orgoglioso di mio figlio. Ha cominciato a lavorare come steward a bordo di un aereo. Nel frattempo è diventato pilota. Si è associato con altri e ha fondato una compagnia aerea. Oggi è così ricco che lui a un amico per il compleanno ha regalato un aereo bimotore Cessna”.

Il terzo allora racconta:

“Non posso dirvi l’orgoglio che mi da il mio. Ha studiato ingegneria. Ha aperto un’impresa di costruzioni e ha fatto i miliardi. Lui, per il compleanno di un amico, gli ha regalato una villa da 1500 mq”.

Nel frattempo il quarto torna e chiede di cosa stessero parlando, allora i tre amici gli chiedono di suo figlio.

“Mio figlio è un gigolò per gay. Si guadagna da vivere così”.

E gli amici: “Poverino, che disgrazia!”

“Ma quale disgrazia, sta una favola! Pensate che quest’anno per il suo compleanno tre clienti gli hanno regalato una Mercedes, un aereo privato e una villa di 1500 mq! … E i vostri figli invece che fanno?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Sito protetto