Disinfettanti: una guida per uccidere i germi nel modo giusto

spray disinfettante

Come fai a sapere quando va bene fare affidamento su acqua e sapone e quando è necessario utilizzare metodi più pesanti.
Dai focolai di influenza alle micidiali infezioni batteriche, i problemi di salute sembrano dominare la notizia in questi giorni.
In risposta, potresti andare alla ricerca di prodotti che affermano di sradicare batteri, virus e altri germi.

Tuttavia, non tutti questi disinfettanti sono efficaci contro ogni tipo di batterio o insetto.

E sebbene possiamo pensare che questi prodotti ti mantengano in buona salute, la verità è che alcuni di essi potrebbero essere dannosi per la tua salute e l’ambiente.

Per aiutarti a scegliere il disinfettante giusto per ogni situazione, abbiamo fornito alcuni dei pro e dei contro di una varietà di agenti anti-germi.

Candeggiare

La candeggina è un disinfettante relativamente poco costoso e altamente efficace.

Non solo pulisce lo sporco e la muffa, ma uccide anche alcuni dei batteri più pericolosi, tra cui stafilococco, streptococco, E. coli e salmonella – oltre a virus come l’influenza e il raffreddore comune.

Tuttavia, la candeggina è anche uno dei disinfettanti più dannosi per la salute umana ed è stata collegata a problemi respiratori e difetti alla nascita.

La candeggina può anche essere pericolosa per la fauna selvatica e l’ambiente.

Esistono alternative più ecologiche nella disinfezione di salviette e spray detergenti, tuttavia, queste scelte ecologiche potrebbero non essere altrettanto efficaci nell’uccidere batteri e virus.

Si noti inoltre che sia la candeggina che le alternative di candeggina più ecologica hanno lo scopo di disinfettare le superfici della casa e non devono essere utilizzate sulla pelle.

Sapone e acqua

Gli scaffali dei negozi sono pieni di prodotti che vantano proprietà antimicrobiche.

C’è un malinteso comune sul fatto che il sapone antibatterico, in particolare, sia efficace nell’eradicare tutti i germi.

Sebbene il sapone antibatterico possa uccidere alcuni batteri, non è più efficace del sapone normale e non fa nulla per combattere virus come il raffreddore o l’influenza.

In effetti, molti esperti di salute sconsigliano l’uso di prodotti antibatterici, poiché la maggior parte contiene un ingrediente potenzialmente dannoso chiamato triclosan , che alcuni ricercatori ritengono sia un interferente endocrino.

Inoltre, l’uso eccessivo di questi prodotti ha portato alla resistenza agli antibiotici e all’aumento dei cosiddetti superbatteri.

Detergenti a base di ammoniaca

Sebbene possa essere una soluzione detergente più ecologica rispetto ai prodotti chimici, l’ammoniaca non è registrata come disinfettante dall’Agenzia per la protezione ambientale (EPA).

Sebbene l’ammoniaca possa uccidere la salmonella e l’E. Coli, non è una difesa efficace contro i batteri pericolosi dello stafilococco.

Disinfettanti per le mani a base di alcol

Afferma che i disinfettanti per le mani uccidono il 99,9 per cento dei germi sono stati recentemente trattati dalla Food and Drug Administration (FDA).

L’agenzia consiglia ai consumatori di lavarsi spesso le mani, soprattutto prima di maneggiare il cibo, e mette in guardia contro l’ acquisto di disinfettanti da banco

che pretendono di prevenire l’infezione da MRSA, salmonella, E. coli, influenza o altri batteri e virus, come le affermazioni non sono supportate dalla FDA.

Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) avverte anche che questi prodotti sono in gran parte inefficaci contro il norovirus .

Alcuni disinfettanti per le mani possono contenere anche triclosan.

Aceto

L’aceto può essere usato come alternativa alla candeggina più sicura per alcune applicazioni, come la pulizia.

È anche biodegradabile. Tuttavia, l’aceto non è un disinfettante registrato e non uccide i batteri pericolosi come lo stafilococco.

Perossido di idrogeno

Il perossido di idrogeno ha ingredienti antimicrobici e può essere un efficace detergente per la casa.

È anche altamente biodegradabile.

Tuttavia, il perossido di idrogeno concentrato è estremamente pericoloso e deve essere usato come disinfettante solo a concentrazioni inferiori al 3 percento.

Bicarbonato di sodio

Sebbene il bicarbonato di sodio sia spesso usato come detergente domestico, è inefficace contro la maggior parte dei batteri, tra cui la salmonella, l’E. Coli. e stafilococco.

Se sospetti che vi sia stata una contaminazione di uno di questi batteri, elimina il bicarbonato di sodio a favore di un prodotto registrato come disinfettante dall’EPA .

Olio dell’albero del tè

L’olio dell’albero del tè è un antisettico naturale e biodegradabile che può essere utile per il trattamento di piccoli tagli e ferite.

Tuttavia, potrebbe non essere abbastanza forte da uccidere virus e batteri più potenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: