Quando si tratta della morte di una persona cara, il dolore può essere immenso.

Ma quando è il tuo cane ha lasciare questo mondo, è assolutamente insopportabile.

Perché c’è una differenza nel modo in cui gestiamo questi due tipi di lutto?

Hai mai sentito qualcuno ammettere tranquillamente che lo scivolamento del loro cane nel sonno eterno è stato più difficile per loro che perdere un membro della famiglia?

Ti sei mai sentito allo stesso modo, ma hai avuto troppa paura di ammetterlo? Non vergognarti, è perfettamente naturale.

La ricerca suggerisce che siamo più che giustificati quando piangiamo profondamente per la perdita di un amico a quattro zampe.

Quando un essere umano lascia questo mondo, abbiamo diversi modi per salutarci.

Necrologi, funerali, memorie, lapidi e cripte da visitare.

Ma non abbiamo lo stesso approccio rituale per dire addio ai nostri amati amici a quattro zampe in questa società.

Quindi tendiamo a vergognarci di dirigere così tante delle nostre emozioni esteriori verso i nostri animali domestici. Dopo tutto, “è solo un cane”.

Non rubiamo tempo al lavoro per la perdita di un animale domestico, ma lo facciamo per i familiari.

Non ci viene consigliato di passare attraverso la consulenza per superare il dolore quando si tratta di un cane, ma siamo incoraggiati a cercare modi sani per affrontare il dolore quando si tratta di un genitore o un fratello.

La perdita di un cane è così dolorosa perché i proprietari non stanno solo perdendo l’animale.

Perdono una fonte di amore incondizionato, un compagno primario che fornisce sicurezza ed altro.

Tutta la nostra vita cambia quando non ne abbiamo una parte come aspetto quotidiano.

È difficile perché le normali routine sono interrotte bruscamente. Fare come nulla fosse è impossibile.

Per oltre 10.000 anni, i cani si sono evoluti nel nostro miglior compagno, il nostro amico più leale e fiducioso.

I cani riconoscono le persone e possono imparare a interpretare gli stati emotivi umani dalla sola espressione facciale.

Gli studi scientifici indicano anche che possono capire le intenzioni umane, cercare di aiutare i loro proprietari e persino evitare le persone che non collaborano o non li trattano bene. I cani possono percepire le persone cattive.

Non sorprende che gli umani rispondano positivamente a tale affetto, assistenza e lealtà non corrisposti.

Il solo fatto di guardare questi animali può far sorridere la gente.

I proprietari di cani hanno punteggi più alti in termini di benessere e sono in media più felici rispetto alle persone che possiedono gatti o non vogliono animali domestici.

I cani sono fasci di amore incondizionato. Non ci giudicheranno mai né nutriranno rancore e ci perdoneranno molto più spesso di quanto meritiamo.

Sono la cosa migliore che ci accada. Quindi quando ci lasciano, è naturale che invochino dolore e tristezza.

Non devi vergognarti o avere paura di mostrare quei sentimenti.

E sì, anche se sappiamo che il dolore è maggiore di quello che possiamo descrivere, la verità è che prenderemo un altro cane e soffriremo di nuovo.

Semplicemente perché meritano anche l’amore.

Segui Lo sapevi che? anche su Facebook👈