Al centro del torace, dietro l’osso dove le persone si toccano quando dicono “io”, c’è una piccola ghiandola chiamata TIMO.

Il suo nome in greco, “thýmos”, significa energia vitale.

Sarà necessario aggiungere altro?

Sì, è necessario dire qualcos’altro … Perché la truffa è ancora un illustre sconosciuto.

Cresce quando siamo felici e si restringe a metà quando siamo stressati e ancora di più quando ci ammaliamo.

Quella caratteristica medicina confusa da molto tempo, che lo conosceva solo attraverso le autopsie e la trovava sempre ridotta.

Avrebbe dovuto atrofizzarsi e smettere di lavorare durante l’adolescenza, al punto che per decenni i medici americani

hanno bombardato truffe perfettamente sane con alte dosi di raggi X, credendo che la loro “dimensione anormale” potesse causare problemi.

In seguito la scienza ha dimostrato che, allo stesso modo in calo dopo l’infanzia, è ancora attivo;

È uno dei pilastri del nostro sistema immunitario, insieme alle ghiandole surrenali e alla colonna vertebrale ed è direttamente collegato ai sensi, alla coscienza e al linguaggio.

Come centralino telefonico dove vanno tutte le chiamate, effettua connessioni all’esterno e all’interno.

Se siamo invasi da microbi o tossine, reagisce immediatamente producendo cellule di difesa.

Ma è anche molto sensibile a immagini, colori, luci, odori, sapori, gesti, tocchi, suoni, parole e pensieri.

L’AMORE E L’ODIO INFLUISCONO IN PROFONDITÀ

I pensieri negativi hanno più potere su virus e batteri.

Poiché questo atteggiamento negativo non esiste in modo concreto, il timo cerca di reagire e si indebolisce, combattendo un invasore sconosciuto

e apre spazi per sintomi di bassa immunità, come l’herpes.

In cambio, i pensieri positivi riescono ad attivare tutti i loro poteri, ricordando che la fede rimuove le montagne.

UNA PROVA DI PENSIERO

Questo semplice test può dimostrare quella connessione.

Chiudi il pollice e l’indice in posizione “ok”, stringi forte e chiedi a qualcuno di provare ad aprirli non appena pensi “Sono felice”.

Quindi ripeti pensando “Sono infelice”.

La maggior parte delle persone mantiene la forza nelle dita con pensieri felici e si indebolisce quando pensa di essere infelice.

(Sostituisci i pensieri con un delizioso gelato al cioccolato, una torta al cocco, ripiena di panna, per vedere cosa succede …)

Lo stesso test serve per diagnosticare situazioni piuttosto complesse.

Ad esempio, il medico ha bisogno di una diagnosi differenziale, il suo paziente ha sintomi nel fegato

che possono significare sia il cancro che gli ascessi a causa di amebe.

Utilizzando fogli con campioni o le stesse rappresentazioni grafiche di una o un’altra ipotesi, testare la forza muscolare del paziente

mentre è in contatto con loro e arrivare al risultato desiderato.

Le reazioni sono considerate risposte al timo e il metodo, che è stato dimostrato in conferenze scientifiche in tutto il mondo, è già stato insegnato all’Università di San Paolo (Brasile) e ai medici agopuntori.

Il dettaglio curioso è che è ben attaccata al cuore che finisce per guadagnare tutti i crediti in relazione a sentimenti, emozioni, decisioni, modo di parlare, ascoltare, stato d’animo, ecc.

“Sono con il cuore stretto” , ad esempio, rivela una situazione reale del timo che solo per riflessione coinvolge il cuore nel problema.

Lo stesso chakra cardiaco, una fonte di energia di unione e compassione, ha più a che fare con il timo

che con il cuore ed è in quel chakra che, secondo gli insegnamenti buddisti, viene dato il passaggio dallo stato animale a quello umano.

Che interessante!

Stai pensando, ma che ne dici?

Si scopre che, se vuoi, puoi esercitare il timo per aumentare la tua produzione di benessere e felicità.

Al mattino, quando ti svegli, o la sera prima di coricarti:

In piedi, le ginocchia leggermente piegate (la distanza tra i piedi dovrebbe essere la stessa delle spalle).

Metti il ​​peso del corpo sulle dita e non sul tallone e mantieni tutti i muscoli rilassati.

Chiudi una delle mani e inizia a battere continuamente con i nodi delle dita

al centro del torace, segnando il ritmo in questo modo: uno forte e due deboli.

Continua a farlo per 3-5 minuti, respirando con calma, osservando le vibrazioni prodotte in tutta la regione toracica.

(Faccio 20 tocchi al mattino e 20 tocchi di notte).

L’esercizio attirerà sangue ed energia sul timo, facendolo crescere in vitalità e giovando anche a polmoni, cuore, bronchi e gola.

Cioè, riempiendo il petto con qualcosa che era già suo e stava solo aspettando uno sguardo di riconoscimento

per trasformarsi in coraggio, calma, nutrizione emotiva, abbraccio