Sin da quando la maggior parte di noi era all’asilo, riceviamo cartoncini a forma di cuore, fiori rossi o rosa e cioccolatini per San Valentino.

Eppure molti di noi non sanno molto della storia di San Valentino o delle origini dei suoi numerosi simboli – come cioccolato, rose, biglietti e Cupido.

1. I cioccolatini erano considerati preziosi nelle culture Maya e Azteca

Risultato immagini per The History Of Valentine's Day chocolate

Sappiamo tutti che il cioccolato è un afrodisiaco.

Contiene un’endorfina chiamata feniletilamina, i cui livelli nel cervello sono stati collegati all’innamoramento.

Il cioccolato è stato considerato prezioso dai tempi dei Maya, che credevano che avesse proprietà spirituali e curative, chiamandolo “il cibo degli dei”.

E dopo aver conquistato il popolo Maya, secondo quanto riferito, il re azteco Montezuma beveva 50 tazze di cacao al giorno, e una in più quando stava per incontrare un’amica.

Inoltre, a causa dei suoi effetti stimolanti, si dice che alle donne azteche sia stato proibito di berlo da sole.

2. Il re Carlo di Svezia rese popolari le rose come simboli di amore nei primi anni del 1700

Risultato immagini per The History Of Valentine's Day rose

Il 14 febbraio è come il Black Friday per i fioristi, ma perché i fiori sono associati all’amore?

All’inizio del 1700, il re Carlo II di Svezia portò l’arte poetica persiana conosciuta come la lingua dei fiori, o floriografia, in Europa dalle sue radici nella cultura antica greca, romana, egiziana e cinese.

Per quasi tutto il secolo successivo, la maggior parte delle case vittoriane aveva dizionari floreali, che elencavano i significati simbolici dei diversi fiori che le persone usavano per trasmettere una grande varietà di messaggi nascosti tra loro.

Come simboli dell’amore romantico, le rose sono state collegate al giorno di San Valentino.

Ancora più specificamente, i colori delle rose donate San Valentino possono trasmettere questi significati ulteriormente sfumati:

bianco: purezza, innocenza, riverenza, un nuovo inizio

Rosso: amore, ti amo

Cremisi scuro: lutto

Rosa: grazia, felicità, dolcezza

Gialla: gioia, amicizia, la promessa di un nuovo inizio

Arancione: desiderio ed entusiasmo

Lavanda: amore a prima vista

Corallo: amicizia, modestia, simpatia

3. I biglietti di San Valentino risalgono alle tradizioni e  rituali pagani praticati durante la festa di Lupercalia

Risultato immagini per The History Of Valentine's Day:

Nonostante ciò che molti di noi credono di sapere, San Valentino originava, almeno in parte, da usanze pagane che comportavano sacrifici di animali e riti di fertilità.

Dal 13 al 15 febbraio, i romani celebravano la festa di Lupercalia.

Gli uomini sacrificarono una capra e un cane, quindi frustavano le donne con le pelli degli animali che avevano appena ucciso.

Nel 5 ° secolo, Papa Gelasio I riuscì ad abolire le feste pagane selvagge e pazze combinandole con le proprie vacanze più civili onorando due uomini – entrambi chiamati Valentino – il 14 febbraio di diversi anni nel 3 ° secolo d.C.

Il Papa permise comunque che rimanesse un rituale pagano quello in cui giovani uomini non sposati estraevano casualmente i nomi di giovani donne non sposate da una scatola per farle combaciare romanticamente.

Essendo la Chiesa cattolica romana, tuttavia, sostituirono i nomi dei santi con i nomi delle ragazze non sposate e, invece di accoppiarsi, i giovani dovevano emulare il santo di cui avevano disegnato il nome.

Come puoi immaginare, i virili maschi romani non erano troppo pazzi per questo. Iniziarono quindi ad inviare saluti scritti di affetto, probabilmente i primi biglietti di San Valentino, alle giovani donne della loro fantasia.

“San Valentino” scritto iniziò ad apparire in massa dopo il 1400, all’epoca in cui fu inventata la macchina da stampa.

4. I colori rosa, rosso e bianco hanno legami con San Valentino e la Chiesa cattolica

Risultato immagini per mandorlo in fiore rosa

Rosa è collegato a uno degli almeno tre San Valentino ufficialmente riconosciuti dalla Chiesa cattolica – per i quali il giorno è ufficialmente chiamato.

Un cittadino romano di nome Valentino, il futuro San Valentino fu incarcerato e condannato a morte dopo che l’imperatore romano Claudio ordinò a tutti i romani di adorare dodici dei.

E disse loro che non potevano parlare di Gesù altrimenti sarebbero stati uccisi. Valentino amava Gesù Cristo e non poteva stare zitto su questo amore.

Mentre era in prigione, si dice che il carceriere abbia portato sua figlia cieca, Julia, a Valentino per le lezioni.

Nel corso dei suoi insegnamenti, Valentino insegnò a Julia la preghiera e la fede in Dio, portandola a pregare per – e poi effettivamente ricevere – la capacità di vedere.

Dopo la sua esecuzione, si ritiene che Julia abbia piantato un mandorlo in fiore rosa vicino alla sua tomba.

Per questo motivo, il mandorlo e i suoi fiori rosa chiaro sono ora considerati un simbolo leggendario dell’amore e dell’amicizia durevoli.

Il rosso è un simbolo di passione, calore e il colore del cuore.

Le rose rosse sono quindi associate alla passione e al profondo amore, e sono riservate alle relazioni romantiche o a coloro che sperano in una di queste.

Nella Chiesa cattolica romana il bianco è associato a Gesù Cristo, innocenza e sacrificio.

5. Cupido

Risultato immagini per cupid

Il malizioso cherubino alato è il dio romano del desiderio, dell’amore erotico, dell’attrazione e dell’affetto, così come il figlio di Venere, la dea dell’amore.

Cupido deriva dalla parola latina che significa “desiderio”.

Secondo la leggenda, Cupido lancia magiche frecce a punta d’oro sia agli dei che agli umani.

Forando il loro cuore con una freccia, fa innamorare profondamente le persone.

Diffidate di quel bambino volante però.

Secondo alcune leggende, Cupido è noto per aver cambiato molto idea.

Non solo porta frecce d’oro per far innamorare qualcuno, ma ne porta anche una con una punta smussata che rende la gente disinnamorata.

Segui Lo sapevi che? anche su Facebook