Una splendida scena del tramonto in una spiaggia della costa centrale della California.

Quando parliamo di maree, la maggior parte di noi pensa che sia quando l’oceano è più alto o più basso sulla spiaggia.

Ma c’è molto altro da sapere.

Per cominciare, l’alta marea è in realtà la cresta di un’onda davvero lunga.

Le maree più alte del mondo si trovano nella Baia di Fundy in Nuova Scozia, dove hanno una portata di 44,6 piedi, ma è lo stesso processo che accade ovunque.

NOAA lo spiega meglio:

“Le maree sono onde di lunghissimo periodo che si muovono attraverso gli oceani in risposta alle forze esercitate dalla luna e dal sole.

Le maree hanno origine negli oceani e avanzano verso le coste dove appaiono come il normale aumento e declino della superficie del mare.

Quando la parte più alta, o cresta, dell’onda raggiunge una posizione particolare, si verifica l’alta marea; la bassa marea corrisponde alla parte più bassa dell’onda o alla sua depressione.

La differenza di altezza tra l’alta e la bassa marea è chiamata marea gamma.”

L’attrazione gravitazionale della luna provoca le maree, ma anche l’attrazione gravitazionale del sole gioca un ruolo.

La forza gravitazionale del sole è solo circa il 46% della luna, il che significa che la sua attrazione sugli oceani della Terra è più piccola e così anche il suo effetto sulle maree.

Quando la luna, il sole e la Terra sono allineati, l’attrazione del sole aumenta l’attrazione della luna e provoca maree estreme – o, onde extra lunghe.

Questa relazione entra in gioco anche quando parliamo di maree reali, un argomento che emerge quando una tempesta è all’orizzonte.

Le maree del re sono semplicemente un termine non scientifico usato per descrivere le maree veramente alte.

Quando la luna è più vicina alla Terra – uno stato chiamato perigeo – e questo coincide con una luna piena o una nuova, questo spinge il raggio di marea leggermente più in alto.

E quando si lancia una tempesta tropicale o un uragano nel mix, le cose diventano davvero interessanti perché il sistema di una tempesta in realtà spinge più acqua davanti a sé prima ancora che arrivi a terra.

Un esempio  in questione, quando l’uragano Dorian si avvicina alla costa della Florida, le maree diventano un fattore più importante nella quantità di danni possibili.

“Il fatto che questa tempesta stia colpendo durante alcune delle più alte maree dell’anno è molto preoccupante”, ha detto il meteorologo della CNN Brandon Miller.