I funzionari sanitari hanno identificato un “colpevole molto forte”.

La maggior parte di coloro che si ammalano di malattie legate allo svapo sono giovani.

I funzionari sanitari federali pensano di sapere cosa sta causando una misteriosa malattia polmonare legata allo svapo che ha ammalato più di 2.200 persone e causato decine di morti.

La vitamina E acetato, un additivo talvolta usato nel THC e in altri prodotti di svapo, potrebbe essere la ragione della malattia devastante, hanno affermato i Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

In una conferenza stampa all’inizio di novembre, la dott.ssa Anne Schuchat, principale vicedirettore del CDC, ha identificato l’acetato di vitamina E come un “colpevole molto forte”.

Il rapporto si basava su campioni fluidi prelevati dai polmoni di 29 pazienti con la malattia, rapporti della CNN .

Tuttavia, l’agenzia afferma che potrebbero esserci ancora altri motivi per la malattia.

“Questo non esclude altri possibili ingredienti”, ha detto Schuchat. “Potrebbe esserci più di una causa.”

Il CDC e la Food and Drug Administration (FDA) hanno studiato un “gruppo” di gravi malattie polmonari che le agenzie ritengono siano legate all’uso di sigarette elettroniche .

Al 5 dicembre, 2.291 casi ospedalizzati sono stati segnalati al CDC in tutti i 50 stati, il Distretto di Columbia e le Isole Vergini americane.

Almeno 48 persone sono morte a causa della malattia.

Gli hanno anche dato un nome, anche se non uno che rotola fuori dalla lingua: EVALI, che sta per sigaretta elettronica, o svapo, uso del prodotto associato al danno polmonare.

Più della metà delle persone che si sono ammalate hanno meno di 25 anni, con il 16% più giovane di 18 anni.

Quasi i tre quarti dei pazienti sono maschi.

Le agenzie hanno studiato la causa esatta e se le malattie sono collegate a dispositivi, ingredienti o contaminanti specifici.

“Vorrei sottolineare quanto sia difficile questa situazione, poiché i pazienti potrebbero essere stati esposti

a una varietà di prodotti e sostanze, potrebbero non conoscere il contenuto o le fonti di questi prodotti

e in alcuni casi potrebbero essere riluttanti o troppo malati per svelare tutti i dettagli di interesse “, ha dichiarato la principale vicedirettore della CDC, la dott.ssa Anne Schuchat, in una precedente telefonata ai media.

Mitch Zeller, direttore del Centro per i prodotti del tabacco della FDA, ha dichiarato alla chiamata che l’ufficio delle indagini penali dell’agenzia aveva avviato “attività investigative parallele”.

L’ufficio sta esaminando i dettagli sui prodotti – dove sono stati acquistati e come sono stati utilizzati – ma l’agenzia non ha intenzione di perseguire singoli utenti di sigarette elettroniche.

Il CDC ha esortato gli americani a smettere di usare le sigarette elettroniche durante le indagini, in particolare quelle contenenti THC.

“Mentre questa indagine è in corso, le persone dovrebbero considerare di non usare prodotti per sigarette elettroniche.

Le persone che usano prodotti per sigarette elettroniche devono monitorare se stessi per i sintomi (p. Es., Tosse, respiro corto, dolore toracico, nausea, vomito, dolore addominale, febbre )

e cercare prontamente assistenza medica per eventuali problemi di salute “, ha affermato il CDC in una nota .

Storia e ricerca dello svapo

Con sapori come la limonata alla pesca e il butterscotch, non c’è da stupirsi che così tanti giovani siano attratti dallo svapo.

Circa 6,2 milioni di studenti delle scuole medie e superiori statunitensi ora usano un certo tipo di prodotto del tabacco nel 2019, secondo il CDC.

Quello è uno su tre studenti delle scuole superiori e circa uno su otto studenti delle scuole medie.

Per il sesto anno consecutivo, le sigarette elettroniche sono il prodotto più comunemente usato con il 27,5% di liceali e il 10,5% di liceali che scelgono di accendersi elettronicamente.

La popolarità dei prodotti potrebbe essere dovuta al fatto che quando le sigarette elettroniche arrivarono per la prima volta negli Stati Uniti nel 2007, furono commercializzate come alternativa più sicura alle sigarette tradizionali.

Ma gli studi hanno continuato a rivelare problemi di salute con i prodotti.

Più recentemente, un’analisi completa degli studi di svapo sottoposti a peer review pubblicati sulla rivista BMJ ha riscontrato effetti avversi misurabili sulla salute polmonare, simili alle sigarette tradizionali.

“Nessuna prova dimostra che sono più sicuri di altri prodotti del tabacco”, hanno scritto i ricercatori.

Le lesioni polmonari dovute allo svapo sono probabilmente causate da fumi chimici tossici, affermano i ricercatori della Mayo Clinic , che hanno studiato biopsie polmonari da 17 pazienti che si riteneva avessero patologie polmonari correlate allo svapo.

I risultati sono stati pubblicati su The New England Journal of Medicine .

“Tutti e 17 i nostri casi mostrano un modello di lesione polmonare che sembra un’esposizione chimica tossica, un’esposizione a fumi chimici tossici o una lesione da ustioni chimiche”.

Dr. Brandon Larsen, patologo chirurgico presso la Mayo Clinic di Scottsdale, Arizona, racconta il New York Times .

“Ad essere onesti, sembrano il tipo di cambiamento che ti aspetteresti di vedere in uno sfortunato lavoratore in un incidente industriale in cui si riversa

una grande botte di sostanze chimiche tossiche, e quella persona è esposta a fumi tossici e c’è un’ustione chimica nel vie respiratorie “.

Una recente ricerca della Ohio State University suggerisce che anche lo svapo a breve termine di persone che non hanno mai fumato sigarette tradizionali provoca infiammazione a livello cellulare

che può potenzialmente portare a danni ai polmoni a lungo termine.

Le leggi sullo svapo

Altre comunità stanno approvando leggi “senza svapare”.

Oltre alla continua ricerca, l’eruzione di malattie e un aumento dello svapo dei giovani ha spinto diversi stati e il governo federale a chiedere il divieto delle sigarette elettroniche aromatizzate.

I funzionari sperano che vietare i sapori che attraggono i giovani ridurrà l’uso delle sigarette elettroniche.

L’amministrazione Trump ha annunciato a metà settembre che avrebbe vietato la vendita della maggior parte delle sigarette elettroniche aromatizzate .

Il divieto prevedeva la presenza di menta e mentolo, che sono gusti popolari per i giovani.

Tuttavia, a metà novembre, il New York Times ha riferito che il presidente si sta ritirando dal divieto di sapore dopo essere stato avvertito del potenziale fallout politico degli elettori.

“Anche un divieto annacquato di sigarette elettroniche aromatizzate che esentava il mentolo, che era ampiamente previsto, sembra essere stato messo da parte, per ora”, ha scritto il Times.

Nel frattempo, il principale produttore di sigarette elettroniche Juul ha annunciato all’inizio di novembre che avrebbe smesso di vendere il suo popolare sapore di menta a seguito del rilascio di nuovi studi nel Journal of American Medical Association.

La ricerca ha dimostrato che Juul è il marchio di sigarette elettroniche più popolare utilizzato dagli adolescenti negli Stati Uniti

e che la menta era il sapore più popolare tra gli studenti delle scuole superiori.

Dopo aver terminato le vendite di menta, Juul venderà solo aromi di mentolo e tabacco.

“Questi risultati sono inaccettabili ed è per questo che dobbiamo ripristinare la categoria di vapore negli Stati Uniti e guadagnare la fiducia della società

lavorando in collaborazione con regolatori, procuratori generali, funzionari della sanità pubblica e altre parti interessate per combattere l’uso dei minorenni”, CEO di Juul KC Crosthwaite detto in una dichiarazione .

Il Michigan è diventato il primo stato a vietare le sigarette elettroniche aromatizzate all’inizio di settembre.

Non molto tempo dopo, il Governatore di New York Andrew Cuomo annunciò un’azione esecutiva di emergenza per vietare la vendita di sigarette elettroniche aromatizzate nello stato .

Un tribunale di New York ha temporaneamente sospeso il divieto appena un giorno prima che dovesse entrare in vigore, riferisce Reuters .

Lo stato dice che sarà anche represso nei negozi che vendono ai compratori minorenni, con la possibilità di sanzioni penali.

A ottobre, il Board of Health dello stato di Washington ha approvato un divieto temporaneo di 120 giorni sui prodotti di svapo aromatizzati, riferisce il Seattle Times .

Un simile divieto temporaneo è stato approvato giorni prima nel Rhode Island, secondo il Providence Journal .

San Francisco è diventata la prima città a vietare le vendite di sigarette elettroniche dopo che i funzionari della città hanno votato a giugno

per vietare ai negozi di vendere gli articoli e ai rivenditori online di consegnare agli indirizzi della città, secondo la CNN .

 

Il sindaco London Breed ha firmato l’ordinanza pochi giorni dopo. Il divieto di San Francisco è notevole non solo per le prime azioni della città, ma anche perché ospita Juul.

Anche il più grande rivenditore americano ha preso posizione sullo svapo. Il 20 settembre Walmart annunciò che avrebbe smesso di vendere sigarette elettroniche.

“Data la crescente complessità e incertezza normative federali, statali e locali relative alle sigarette elettroniche, prevediamo di interrompere la vendita di prodotti elettronici per la consegna di nicotina

in tutte le sedi statunitensi di Walmart e Sam’s Club”, ha dichiarato la società in una nota .

“Completeremo la nostra uscita dopo aver venduto attraverso l’inventario attuale.”