Asher Rosinger, un ricercatore, ha osservato che lo squilibrio nella quantità di acqua ingerita.

Potrebbe ulteriormente influenzare la nicchia delle donne anziane, influenzando in modo specifico la loro funzione cognitiva.

Il test applicato durante la ricerca ha cercato di misurare la velocità del motore, l’attenzione sostenuta e la memoria di lavoro.

In esso, il risultato ha sottolineato che i punteggi più bassi potrebbero essere direttamente associati alle donne con i livelli di idratazione più bassi.

L’interferenza della quantità di acqua ingerita non è stata percepita negli uomini con la stessa intensità.

Bere molta acqua è buono?

Secondo la ricerca, no.

Risultati negativi per quanto riguarda le prestazioni cognitive sono stati trovati anche in individui iperidratati.

Lo squilibrio colpisce sia i giovani che gli anziani.

Quest’ultimo caso merita maggiore attenzione poiché il corpo stesso inizia a perdere un po ‘di efficienza.

Le riserve idriche diminuiscono e i reni diventano meno efficaci nel trattenere i liquidi, ad esempio, mettendo in luce l’importanza della ricerca.

Troppa acqua può essere dannosa per la salute.

Come migliorare la funzione cognitiva?

Oltre a consultare un medico per trovare il punto di idratazione ideale.

Si raccomanda di fare esercizi quotidiani.

Come una buona notte di sonno, un’attività fisica regolare e il controllo della frequenza diabetica.

Questa cura associata influisce positivamente non solo sulla cognizione, ma anche sulla capacità di concentrazione e concentrazione a lungo termine.

Caratteristiche fortemente influenzate dalla scarsa assunzione di acqua.

Segui Lo sapevi che? anche su Facebook  👈👈👈👈