Secondo uno studio presentato dagli astrofisici della Columbia University e dell’Università della Florida, entrambi negli Stati Uniti;

Diversi miliardi di anni fa, la collisione tra 2 stelle di neutroni avrebbe fornito gli ingredienti necessari per la formazione del Sistema Solare.

In realtà, la teoria dello shock stellare è in circolazione da molto tempo – e lo scopo della ricerca presentata ora era esplorare come, dove e quando si è verificato esattamente quell’evento e avanzare con questo concetto.

Capsule del tempo

Secondo Nola Taylor Redd, di Space.com , gli astrofisici hanno esaminato la composizione dei meteoriti dal momento in cui il sistema solare si stava formando alla ricerca di isotopi.

Varianti dello stesso elemento chimico in cui il numero di neutroni nei loro atomi differisce a vicenda – per dare loro indizi su ciò che probabilmente è accaduto.

Ingredienti stellari

Gli isotopi si formano naturalmente, ma anche attraverso processi esterni che causano cambiamenti nel nucleo degli atomi.

Pertanto, elementi pesanti – come il plutonio, l’oro e il platino, per esempio – si formano nell’Universo quando gli atomi sono colpiti da neutroni.

E quando si verifica la collisione tra queste particelle, possono verificarsi neutroni (che hanno una carica neutra).

Emettono elettroni (con una carica negativa), che li fa emettere un elettrone e diventare un protone, cambiando l’atomo originale.

Questo processo sopra descritto si verifica solo quando si verificano potenti esplosioni nell’Universo, comprese supernove e fusioni stellari.

Ed è per questo che gli astrofisici sono andati a studiare la composizione dei meteoriti dal primo Sistema Solare.

Queste rocce spaziali funzionano fondamentalmente come capsule temporali.

Poiché contengono elementi e prove di ciò che è accaduto in passato dal cosmo – ed è i diversi isotopi che aiutano a raccontare la storia.

Incidente stellare

Gli scienziati hanno calcolato la quantità di isotopi radioattivi presenti nei meteoriti.

E hanno confrontato i loro risultati con la quantità e la varietà di isotopi che sarebbero stati prodotti a seguito di una supernova.

E della collisione di una coppia di stelle di neutroni.

Gli astrofisici conclusero che, per formare gli elementi rilevati, sarebbe stato necessario subire uno shock stellare

– e gli isotopi “contarono” che questo evento si sarebbe verificato solo 100 milioni di anni prima della formazione del Sistema Solare.

Dove è successo l’incontro?

Le informazioni presenti nei meteoriti hanno anche permesso agli astrofisici di calcolare la distanza su cui si è verificato l’incidente:mille anni luce dal nostro angolo nel cosmo.

E, secondo Nola, i ricercatori hanno spiegato che potrebbe sembrare che una collisione avvenuta a una distanza così assurda avrebbe un impatto minimo qui per noi.

Ma se un evento simile si riproponesse, illuminerebbe l’intero cielo notturno qui sulla Terra.

L’unica cosa che gli astrofisici non sono stati in grado di determinare era l’esatta posizione in cui si è verificata la collisione tra le stelle.

Poiché negli ultimi 4,5 miliardi di anni – che è l’era del Sistema Solare – il Sole non si è fermato.

Questo perché, oltre a orbitare attorno al centro della Via Lattea, la galassia stessa si sta muovendo attraverso l’Universo.

Ma gli scienziati sperano ancora di trovare altre stelle che si sono formate dalla stessa collisione, così come i resti dell’incontro per definire il punto in cui è successo

Segui Lo sapevi che? anche su Facebook