Durante la Quarantena è molto importante mantenere abitudini sane.

Una dieta ricca di nutrienti e buone ore di sonno sono più essenziali che mai per garantire che il sistema immunitario possa combattere con piena forza contro qualsiasi virus.

Un altro fattore molto importante sono le vitamine e uno di loro in particolare.

La vitamina D

Cos’è la vitamina D?

La vitamina D è un proormone che, quando associato all’ormone paratiroideo (PTH), agisce come un importante regolatore della quantità di calcio e fosforo nel corpo, assicurando che i sali minerali siano assorbiti nell’intestino.

È anche considerato un micronutriente liposolubile essenziale, ovvero può dissolversi nei lipidi (il famoso grasso) ed è immagazzinato in grandi quantità, principalmente nel fegato.

Inoltre, ha due forme:

Vitamina D2 : anche chiamata ergocalciferolo, è di origine vegetale e può essere ottenuta attraverso il cibo.

Vitamina D3 : chiamata colecalficerolo, viene sintetizzata nella pelle dopo l’esposizione al sole.

I benefici della vitamina D.

Quando la vitamina D viene assorbita dal corpo, diventa un ormone noto come calcitriolo e agisce in importanti processi per il corpo.

Come l’equilibrio del sistema immunitario, il controllo della pressione sanguigna, la protezione contro la formazione di tumori e problemi cardiovascolari.

L’inibizione di processi infiammatori e metabolismo dei carboidrati.

Le migliori fonti di vitamina D

Poiché esistono due tipi di vitamina D, è possibile ottenerla in due modi.

L’ergocalciferolo è presente in vari alimenti, come pesce grasso (salmone, tonno e sardine), funghi coltivati ​​alla luce del sole, latte arricchito e suoi derivati ​​(yogurt, burro, formaggio ecc.).

Cereali arricchiti, olio di fegato di pesce e tuorlo d’uovo.

Tuttavia, solo il 10-20% del valore necessario della vitamina viene acquisito attraverso la dieta, il che porta alla seconda fonte molto importante: il sole.

L’altro 80% al 90% necessario deriva dall’esposizione alla luce ultravioletta (UV).

Prendi il sole

Attualmente, le persone tendono ad essere più attente all’esposizione solare in tutto il mondo.

Le ragioni di ciò sono ben note, come una maggiore consapevolezza del rischio di cancro della pelle.

Una routine che prevede diverse ore di lavoro al chiuso e pendolarismo (in auto o con i mezzi pubblici) direttamente a casa.

Ciò ha causato diversi casi di insufficienza di vitamina D, che non può essere assorbita attraverso gli occhiali.

La soluzione è prendere del tempo per prendere il sole.

Vale la pena ricordare che è il tono della pelle che determinerà il tempo di esposizione necessario:

le persone con pelle più chiara dovrebbero essere esposte in media da 15 minuti a 20 minuti;

le pelli più scure richiedono circa 1 ora di sole;

mentre i toni intermedi possono ricevere da 30 minuti a 40 minuti di luce solare.

Questa differenza si verifica perché maggiore è il livello di melanina nel corpo, più la pelle ha difficoltà ad assorbire i raggi UV.

Secondo Juliana Toma, dermatologa laureata all’Università Federale di San Paolo (Unifesp) e specialista in Oncologia della pelle all’Ospedale Sírio Libanês, la pelle nera produce fino a sei volte meno vitamina D della pelle bianca.

È necessario prendere il sole su tutto il corpo?

Non è necessario Per coloro che non vogliono esporre il viso o la testa, ad esempio, vale la pena prendere il sole ogni giorno sulle gambe e sulle braccia.

Ma è importante ricordare che i raggi del sole all’inizio e alla fine della giornata sono molto deboli, quindi il momento ideale è dalle 10 alle 15.

E vale la pena ricordare che è inutile passare 1 giorno al sole per compensare il resto della settimana.

Dopo tutta la pigmentazione, la famosa abbronzatura, funge da barriera naturale contro l’azione dei raggi UV, il che rende difficile produrre la vitamina.

Cioè, stare al sole per il periodo indicato almeno tre volte a settimana.

Puoi usare la protezione solare?

Secondo uno studio pubblicato dal British Journal of Dermatology nel 2019, l’uso della crema solare non impedisce la produzione di vitamina D.

I risultati sono stati supportati da una revisione di 75 articoli sul prodotto e sulla vitamina disponibili anche presso BJD.

“La vitamina D, che è vitale per la salute delle ossa, è prodotta dalla pelle in risposta alle radiazioni ultraviolette della luce solare.

Negli ultimi anni, la preoccupazione in tutto il mondo per la carenza di vitamina D ha scatenato numerosi dibattiti sul modo migliore per raggiungere livelli sani di questo proormone e limitare il rischio di cancro della pelle.

“Sono state sollevate domande sul fatto che i metodi di protezione solare, compreso l’uso della protezione solare, possano contribuire alla carenza di vitamina D.

Tuttavia, tre studi separati hanno concluso che l’uso della protezione solare non influenza la condizione della vitamina D nella maggior parte di persone “, ha spiegato il dermatologo.

I tre studi citati includono ricerche finanziate dall’Unione Europea e condotte da un team del King’s College di Londra, lavori di ricercatori dell’Australian Berghofer Medical Research Institute.

Della National University of Australia e una recensione che ha presentato i risultati di un panel internazionale specialisti in endocrinologia, dermatologia e altre aree.

Come procedere nel periodo di quarantena?

Anche senza uscire di casa, puoi trovare un momento per prendere il sole.

Per coloro che vivono in luoghi con balcone o cortile, una buona idea è quella di mettere un seggiolino sdraio in quella zona e rimanere lì per il tempo indicato.

Puoi prenderti il ​​tempo di aggiornarti sulla lettura o persino di distrarti sui social network e con un gioco.

Non hai uno spazio aperto privato? Quindi può essere nella finestra.

Assicurati solo di aprire il vetro per esporre le braccia o le gambe (la scelta è gratuita!) Ai raggi UV.

Cosa succede se utilizzo integratori?

Non è mai una buona idea utilizzare qualsiasi tipo di integratore senza consultare un medico.

Per scoprire se un paziente ha davvero bisogno di questo, il professionista deve valutare lo stato di salute generale.

E ordinare un test di dosaggio chiamato 25-idrossivitamina D per valutare se è necessario utilizzare il supplemento e il modo corretto di somministrarlo.

Quindi è meglio continuare a prendere il sole ogni volta che puoi.